+39 0458303026 Viale del Lavoro, 25 37135 Verona

Dott. Cavallini relatore al congresso di Medicina Estetica SIES


Il Dott. Cavallini ha presentato una relazione sulla radiofrequenza ad onde lunghe: la nuova energia per trattare inestetismi cutanei e lassità cutanee localizzate.

ABSTRACT

Esistono oggi numerose metodiche per contrastare l’invecchiamento cutaneo ed i trattamenti più richiesti sono quelli che a parità di risultati risultino meno invasivi e permettano una rapida ripresa dell’attività quotidiana. Il dispositivo dermo-ablation-surgery medical (DAS) grazie alla radiofrequenza ad onde lunghe sviluppa un’onda elettromagnetica; la differenza di potenziale tra punta del manipolo e cute genera un arco voltaico che è il responsabile dell’effetto clinico; il dispositivo pertanto agisce per sfioramento del tessuto, non per contatto. Poiché è possibile combinare 5 diverse frequenze di emissione dell’impulso con 5 diversi livelli di potenza, possiamo avere un ampio range di trattamenti, a seconda delle esigenze cliniche. Possiamo variare le impostazioni per ottenere un semplice riscaldamento della cute che stimola la riorganizzazione delle fibre collagene sino a spingerci con potenze maggiori ad una vera ablazione del tessuto, che sarà sempre comunque una ablazione estremamente superficiale, limitata all’epidermide, quindi con scarso o nullo sanguinamento e stimolo doloroso; la quantità di calore generata infatti si concentra in aree puntiformi inferiori al mm, senza coinvolgimento dei tessuti circostanti; nel caso ci si spinga sino al derma superficiale, il calore generato determina una coagulazione dei piccoli vasi contribuendo ad evitare sanguinamenti.
Il DAS permette di trattare potenzialmente tutte le lesioni cutanee benigne in maniera miniinvasiva e con un ridotto downtime per il Paziente; permette inoltre di effettuare un ablazione estremamente superficiale dell’epidermide (“elettropeel”) ed il trattamento delle lassità cutanee localizzate (ad es. blefaroplastiche “non chirurgiche”).
In questa relazione presenteremo i nostri primi risultati clinici, comparando il DAS-medical con la più conosciuta e diffusa tecnologia LASER.

Lascia un commento